martedì 10 dicembre 2013

ERON / BLENDING

15 NOV 2013 / 12 GENNAIO 2014


Da un artista che nasce in strada ci si aspetta rabbia e trasgressione, invece Davide Salvadei, in arte Eron, è conosciuto per la sua riservatezza. Potrebbe sembrare uno stupido pregiudizio ma, di fatto, chi non ci ha pensato? Tuttavia, incontrandolo l'impressione che lascia è di una persona dolce, dalla voce pacata; schivo sì con i giornalisti, ma non maliziosamente per creare mistero e attesa attorno al suo nome, più per desiderio che le sue opere parlino per lui senza troppa retorica.
Imporre la propria voce in strada implica avere qualcosa da dire e volersi fare sentire, esporre in una mostra implica anch'esso la volontà esibire le proprie opere e, di conseguenza, una parte di sé.
Eppure non c'è contrasto fra questa verità e il suo desiderio di restare in penombra: questo dualismo fra una voce che si manifesta in strada e la sua figura sfuggente convive anche nella sua produzione artistica.



Da una parte gli attacchi urbani: chi tra i riminesi, come me, non ricorda le scritte
 K-RIMINI sparse per la città? E l'ironia sottile dei suoi murales che prendevano forma nelle notti silenziosamente, come quello in cui ritrae un imbianchino che copre una sua scritta?






Eron comincia a 15 anni con le sue prime scritte sui muri: erano gli anni in cui si fantasticava sulla vita dei writer newyorkesy solo grazie a rari documentari in cassetta (ovviamente in lingua originale); internet e la sua enorme capacità di diffondere conoscenza era ancora un mondo lontano. Non c'erano bombolette spry studiate appositamente, ma qualcuno scoprì che come tappino si poteva benissimo usare un banale tappino del deodorante...




Dall'altra parte, parallelamente, abbiamo le sue tele intrise di magia e malinconia. Due percorsi paralleli tradotti con un unico linguaggio: lo spray painting. Ma il suo talento non si ferma qui: grazie a lui la street art entra per la prima volta nella storia, nel tempio dove l’Arte supera le barriere temporali: la chiesa. L’affresco che misura quasi 50 metri quadrati, voluto dall’ingegnere Giuseppe Ferri e da Don Danilo Manduchi, oltre che a completare l’opera di ristrutturazione della chiesa di San Martino in Riparotta a Rimini, “consacra” la Street art a livello mondiale. Il risultato finale inganna l’occhio per l’eccezionale modo di riprodurre dettagli con il solo ausilio di bombolette spray e la perfetta padronanza della luce.





Ma veniamo alla mostra e al suo titolo: Blending dall'inglese to blend, ovvero fondere assieme, comprende una serie di tele con elementi figurativi strettamente legati al realismo, i quali si mischiano ed interagiscono con il segno “ingenuo”, tipico del tratto infantile. Viene da chiedersi cosa sia naturale e cosa artificiale: le opere di Eron ci portano a riflettere tra il sottile confine tra realtà e illusione.

Ad esempio, nell'opera scelta proprio come simbolo della mostra, una bambina resa con perizia fotografica osserva un gabbiano stilizzato. Disegno infantile e realismo interagiscono attraverso questo sguardo; tuttavia non dobbiamo dimenticare che anche la bambina, seppur ci pare più reale del gabbiano, è anch'essa un disegno.

La mostra Blending, curata da Andrea Bruciati, è composta da 20 opere realizzate con varie tecniche (dal graffito, allla pittura su tela fino all'installazione) ed è promossa dall’associazione culturale Il Garage con il sostegno della Fondazione San Marino Cassa di Risparmio – S.U.M.S. e delle Segreterie di Stato per la Cultura, per il Turismo e per il Territorio


Per tutta l'esposizione, l'artista confonde lo spettatore avvolgendolo nelle sue atmosfere nebbiose e visionarie e rapendolo con la sua capacità a dir poco fotografica di riprodurre luoghi e immagini del suo territorio. 
Protagonista è il mare, come luogo fisico e come immaginario attraverso il quale il pensiero acquista consistenza e si astrae in nuove sensazioni, da riscoprire e reinterpretare. Come in questa tela, la cui foto non rende la magia dello scintillio di un'alba sonnacchiosa sull'Adriatico.


Non resta che entrare e farsi trascinare nelle sue visioni oniriche..




Orari di apertura al pubblico
dal lunedì al giovedì, dalle 10 alle 19
dal venerdì alla domenica, dalle 10 alle 20

Ingressi
Biglietto intero € 5,00
Biglietto ridotto € 3,00 (ragazzi fino ai 13 e oltre i 65 anni)
Gratuito bambini fino ai 5 anni e portatori di handicap
Biglietto Mostra ERON BLENDING + IL MONDO DI LEONARDO € 13,00







Contatti
TELEFONO: 0549 992515
PALAZZO SUMS, Via G. B. Belluzzi, 1 – 47900 San Marino – Repubblica di San Marino

Per maggiori info http://eronblending.com


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001