mercoledì 5 febbraio 2014

FREEDOM

Zenos Frudakis è uno scultore statunitense di origine greca che ha donato al pubblico, presso la sede mondiale di GSK (GlaxoSmithKline) a Philadelphia, in Pennsylvania, una scultura straordinaria.


"volevo creare una scultura che chiunque, indipendentemente dal proprio contesto, potesse guardare e percepire immediatamente l’idea di qualcuno che lotta per liberarsi. Questa scultura rappresenta la lotta per la conquista della libertà attraverso il processo creativo. (...) Tutti hanno bisogno di uscire da qualche situazione – che si tratti di una lotta interiore o di una circostanza contraddittoria – e di essere liberi "          Z.F.


Come si evince dalle sue parole ha una poetica ben chiara e limpida, che riesce a trasmettere con naturalezza nella mente dei fruitori della sua opera. Questa scultura è realizzata in bronzo, e rappresenta i quattro stadi con cui un individuo raggiunge la libertà, attraverso una tensione evolutiva che muove da sinistra verso destra:



si parte da una sorta di mummia / morte come una figura prigioniera, si evolve verso la seconda figura, che ricorda Schiavo ribelle e inizia a suscitare una lotta per sfuggire.





La figura nel terzo frame inizia a strapparsi dal muro che lo teneva prigioniero e sta uscendo, venendo verso la libertà. 








Tuttavia, l'opera non si ferma qui. A differenza delle opere di Matteo Puglisi, scultore milanese che realizza anch'egli figure cristallizzate nel tentativo di uscire dalla parete, nel quarto fotogramma di Frudakis la figura è completamente libera , vittoriosa, a braccia spalancate.




La stessa tensione ma ancor più tragicamente viva, la ritrovo nelle opere di un giovane (ma veramente talentuoso) scultore italiano, Enrico Ferrarini. Le sue sculture sono vive, in tutta la loro atrocità. Sono figure statiche ma libere contemporaneamente di muoversi e svelare le emozioni più crude.


Sono sculture che gridano e sospirano, che si agitano con i loro muscoli tesi. 
Sono sculture che ci parlano, che entrano sotto pelle e scuotono.

Un artista incredibile, capace di rimanere fedele all'antico mestiere dello scultura utilizzando materiali classici come il marmo o il gesso, per poi rinnovarsi. Le sue opere hanno un respiro nuovo, un respiro moderno che rispecchia la volontà di uscire dai ruoli predefiniti, di affrontare le proprie emozioni, anche le più atroci, e liberarsi da se stessi.




Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001