martedì 3 luglio 2012

Le statue di marmo muoiono in bianco e non sempre del tutto.



Statua greca



Con l'aiuto degli uomini e di altri elementi
il tempo si è dato un gran da fare intorno a lei.
Dapprima l'ha privata del naso, poi dei genitali,
quindi delle dita di mani e piedi,
col passare degli anni di un braccio e poi dell'altro,
della coscia destra e di quella sinistra,
di dorso e fianchi, di testa e natiche,
e quei pezzi li riduceva in
calcinacci, ghiaia, sabbia.


Quando muore così qualcuno vivo,
molto sangue sgorga ad ogni colpo.



Le statue di marmo tuttavia muoiono in bianco
e non sempre del tutto.



Della statua in questione si è conservato il busto
ed è come un respiro trattenuto nello sforzo,
poiché adesso deve
attirare
a sé
tutta la grazia e la gravità
di quanto si è perduto.


E questo gli riesce,
questo ancora gli riesce,
riesce e affascina,
affascina e dura -


Anche il tempo qui merita una menzione di lode,
poiché ha smesso di lavorare
e ha lasciato qualcosa per dopo.

W. Szymborska






Un ringraziamento speciale al Museo Tattile Omero, che mi ha permesso questa incredibile esperienza tattile..

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001