mercoledì 25 luglio 2012

Quando la pittura si fa cinema: Aleksandr Petrov


Si tratta di uno dei vetrini di Aleksandr Petrov, regista e animatore russo, nonché autore del piccolo capolavoro dedicato a Il vecchio e il mare di Hemingway, che gli è valso l’oscar per il miglior cortometraggio animato ed il primo premio al prestigioso festival di animazione di Annecy. Non starò certo qui a raccontarvi la trama del filmato visto che molti conosceranno già la storia e che, per chi ancora non ne fosse a conoscenza, c'è l'intero universo del web da sfruttare per colmare la lacuna (o leggersi il libro, volendo!). 





Petrov ha realizzato questo stupendo cortometraggio animato, dipingendo con colori ad olio sul vetro, e dando così respiro e carne viva ai personaggi del racconto. La tecnica, estremamente complessa, prevede l’utilizzo di un sistema di pannelli di vetro di grandi dimensioni su cui utilizzare le dita per dipingere le immagini da animare, modificandole poi leggermente di fotogramma in fotogramma.




Si tratta di più di 29.000 fotogrammi realizzati nell’arco di due anni e mezzo per ottenere circa 20 minuti di animazione; per un minuto di film girato occorrono circa 1000 disegni. Ne risultano immagini fluide e morbide; allo spettatore rimane il piacere di contemplare i movimenti dei personaggi e i passaggi di luce e di colore. Ciò che più colpisce è comunque l'estrema bellezza delle immagini create: dinanzi allo sguardo dello spettatore scene intense sfumano una nell’altra quasi per magia, fondendosi in una composizione cinematografica di straordinaria bellezza.




Quando l'emozione si fa tocco in punta di dita e il tocco si fa immagine, poi l'immagine si fa filmato e il filmato torna emozione..
Non mi resta che lasciarvi direttamente al cortometraggio, sperando che anche voi sappiate farvi sfiorare dal suo romantico tocco..



Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001